Nuove forme di mobilità nelle aree urbane

Titolo della ricerca

DEMONSTRATE –Modal diversion, co-modality and technology applications in passenger transport systems

Area scientifica

Ingegneria dei trasporti, Mobilità

Coordinatore

Marco Diana

Abstract

Oggetto della ricerca è lo studio della diversione modale e della co-modalità nell’ambito del trasporto passeggeri.  L’accento è posto sui cambiamenti di comportamento relativi all’uso dei diversi sistemi di trasporto nelle aree urbane, quando da un lato si rendono disponibili nuove opzioni tecnologiche, dall’altro si è in presenza di azioni di regolamentazione della domanda o di promozione di determinati servizi. L’obiettivo finale è definire la co-modalità nel contempo ottimale dal punto di vista dell’efficienza e dell’efficacia e concretamente raggiungibile in termini di cambiamento degli stili di mobilità.

Descrizione del progetto di ricerca

Importanti sforzi di ricerca e di politica dei trasporti sono stati dedicati alla promozione dei cambiamenti di comportamento individuali relativi alla scelta dei modi di trasporto. L’obiettivo del progetto DEMONSTRATE è di chiarire la relazione tra il mix di interventi  tipici di diversi ambiti disciplinari che possono essere congiuntamente realizzati e la massima diversione modale che può ragionevolmente essere raggiunta in ambito urbano. L’ingegneria dei trasporti può ad esempio contribuire attraverso l’implementazione di nuove tecnologie; la psicologia sociale è cruciale per capire come valori e norme soggettive influenzino i comportamenti; l’economia applicata per stimare come miglioramenti dei sistemi di trasporto impattino la domanda. Il progetto renderà possibile definire la co-modalità ottimale (ossia la miglior combinazione dell’uso dei diversi modi di trasporto) in funzione delle prestazioni dei diversi mezzi di trasporto e della massima diversione modale compatibile con le attitudini individuali. I decisori pubblici potranno quindi individuare l’appropriato insieme di misure da adottare congiuntamente per raggiungere la co-modalità ottimale, in funzione di obiettivi specifici che potrebbero variare di caso in caso. I ricercatori infine saranno in grado di misurare quanto un sistema su scala urbana sia lontano dalla co-modalità ottimale e quantificare i benefici relativi all’implementazione delle misure necessarie per raggiungere tale ottimo, confrontandoli con i costi.

Impatto sulla società

Il progetto potrebbe avere un impatto rilevante su diversi aspetti inerenti ai sistemi di trasporto:

  • promuovendo nuovi servizi di mobilità resi possibili dalle moderne tecnologie dell’informazione e della comunicazione,
  • chiarendo l’interazione tra servizi di mobilità nuovi e modi di trasporto tradizionali (trasporto pubblico, automobile privata, biciclette, piedi) nelle aree urbane,
  • valutando quanto le attuali prestazioni di un sistema di trasporto in ambito urbano possano essere migliorate attraverso i cambiamenti di comportamento.

Video

Breve cv del coordinatore

Marco Diana è professore associato di ingegneria e pianificazione dei trasporti presso il Politecnico di Torino e svolge ricerche sull’analisi dei comportamenti di mobilità e sui temi della multimodalità. Ha un dottorato in “Automazione e informatizzazione dei trasporti” e 15 anni di esperienza internazionale di ricerca nel settore, maturata in differenti istituti di ricerca sia in Europa che negli Stati Uniti. E’ specializzato nell’analisi degli impatti delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione sui sistemi di trasporti, l’analisi di sistemi e servizi di trasporto innovativi e i relativi impatti sul comportamento dei viaggiatori. Responsabile scientifico per il Politecnico del progetto europeo METPEX  e attivamente coinvolto in molti altri (SAGE, ecoFEV, EGOMOTION).  Autore di circa 50 lavori, molti dei quali pubblicati su riviste scientifiche internazionali di riferimento nel settore.

Gruppo di lavoro

Al Politecnico di Torino:

Francesco Deflorio, Miriam Pirra, Riccardo Ceccato

  • Budget: 121.000
  • Data inizio: 15/12/2015
  • Data fine: 14/12/2017
© Politecnico di Torino - Credits