Città resilienti e spazi verdi urbani

Titolo del progetto di ricerca

ECO.G.U.S. – Servizi eco-sistemici per città sostenibili e resilienti: un approccio eco-idrologico per la gestione degli spazi verdi urbani

Area scientifica 

Gestione delle acque, Ecoidrologia, Città resilienti

Marie Skłodowska-Curie fellow 

Roberto Revelli

Abstract

Nell’ambito della socio-eco-idrologia, il progetto ECO.G.U.S. vuole sviluppare strumenti scientifici per la quantificazione della sostenibilità degli spazi verdi urbani come fornitori di servizi eco-sistemici. Il contesto urbano viene analizzato mediante l’eco-idrologia stocastica e la teoria dei sistemi complessi.

Descrizione del progetto di ricerca 

Per la prima volta nella storia la maggior parte delle persone vive nelle città e la crescente urbanizzazione modifica i bilanci di massa, di quantità di moto e di energia delle città stesse. Nei prossimi decenni l'aumento della popolazione avrà un enorme impatto sulla produzione e il consumo in ambito urbano di servizi ecosistemici (ovvero i beni e i servizi che gli ecosistemi fornisco al genere umano). ECO.G.U.S. si concentra sugli spazi verdi urbani, la loro connessione con il ciclo idrologico urbano, la loro capacità di fornire servizi eco-sistemici e la loro importanza per il benessere delle persone sul corto, medio e lungo periodo.
L'obiettivo principale del progetto è stato raggiunto in due fasi. Nella prima fase della ricerca (svolta presso la Pratt School of Engineering - DUKE University - Durham - NC - USA) un modello eco-idrologico stocastico è stato adattato al contesto urbano alla scala del singolo albero. I risultati del modello possono essere utilizzati per stimare i potenziali servizi ecosistemici come l’effetto di raffrescamento, il sequestro di CO2 o la gestione delle acque piovane. Nella seconda fase (svolta presso DIATI - Dipartimento di Ingegneria dell'Ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture al Politecnico di Torino) il problema è stato analizzato mediante la teoria dei sistemi dinamici. Il risultato è un modello matematico in grado di catturare, in senso generale, i complessi feedback tra la presenza di infrastrutture verdi, la fornitura di servizi ecosistemici e la popolazione che ne gode e ne beneficia.

Impatto sulla carriera del ricercatore e sulla società 

Le infrastrutture urbane devono aumentare la loro resilienza e la loro gestione deve interfacciarsi con importati sfide generate da un mondo in costante cambiamento ambientale, economico e sociale. C’è la necessità di strumenti capaci di prevedere le future implicazioni di scelte odierne: i risultati scientifici ottenuti da ECO.G.U.S. dovrebbero portare alla definizione di linee guida e buone pratiche atte al miglioramento della qualità e quantità degli spazi verdi urbani.

Breve cv del Marie Skłodowska-Curie fellow 

Roberto Revelli, laurea in Ingegneria Civile e Dottorato in Idraulica, è Professore Ordinario in Idraulica. È stato vicedirettore del DIATI, coordinatore del Master di II Livello in “Ingegneria dell’acqua per uso potabile, civile e industriale” e Professore Associato Invitato presso la Duke University (NC-USA). È autore di libri e più di 70 lavori su riviste ISI. Attualmente è titolare del corso “Idraulica” e “Idraulica Ambientale”. I suoi principali interessi di ricerca riguardano la meccanica dei fluidi, i processi di trasporto, l’ecoidrologia, le energie rinnovabili e l’idraulica storica.

Supervisori

Pierluigi Claps,  DIATI – Dipartimento di Ingegneria dell’Ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture, Politecnico di Torino

Amilcare Porporato, Pratt School of Engineering - DUKE University - Durham (NC - USA)

Organizzazione partner di progetto 

Pratt School of Engineering - DUKE University - Durham (NC - USA)

ECO.G.U.S. project has received funding from the European Union’s Horizon 2020 research and innovation programme under grant agreement No. 701914

  • Budget: 197.720 euro
  • Data inizio: 15/08/2016
  • Data fine: 14/11/2018