Droni per situazioni di emergenza

Titolo del progetto di ricerca

IDEAL DRONE  - Use of drones for Emergency management

Coordinatore

Gian Paolo Cimellaro

Area scientifica 

Ingegneria sismica

Ingegneria Civile

Ingegneria dei prodotti e dei processi

Abstract 

Il progetto Ideal Drone permetterà di equipaggiare uno sciame di droni che voleranno all’esterno del luogo interessato da una catastrofe, ad esempio un edificio incendiato o crollato, con strumenti atti a identificare la posizione di soccorritori e vittime che si trovano nel luogo e monitorare i loro parametri vitali e le condizioni ambientali in cui si trovano.

Descrizione del progetto di ricerca 

Durante le operazioni di soccorso in caso di eventi estremi come terremoti, incendi o inondazioni, una difficoltà fondamentale è conoscere la posizione delle vittime e dei soccorritori e il loro stato di salute e di rischio. Ogni anno, moltissimi vigili del fuoco muoiono o sono feriti durante le operazioni di soccorso perché sono i primi ad entrare in edifici danneggiati o in fiamme ignorando la posizione delle vittime e la presenza di eventuali pericoli e mettendo così a rischio la propria vita. 

Ideal Drone è un progetto che mira a sopperire a questa mancanza di informazioni con lo scopo di rendere più agevoli le operazioni di salvataggio e di messa in sicurezza. Il prototipo che verrà realizzato consiste in un sistema di localizzazione che potrà individuare le vittime e i soccorritori all'interno degli edifici dopo eventi catastrofici, utilizzando un sistema di radiofrequenze basato su nodi chiamati “ancore” che identificano la posizione delle vittime e dei soccorritori grazie a dispositivi indossabili chiamati “tag”. La novità del progetto risiede nel fatto che tali “ancore” saranno installate su un gruppo di droni che, volando sopra l’edificio o l’area interessata dal disastro, saranno in grado di inquadrare precisamente la situazione. Chiunque indosserà il “tag”, sarà in grado di trasferire alla rete esterna temporanea, oltre alla propria posizione precisa, anche altri dati come frequenza cardiaca, temperatura corporea e umidità del luogo, utilizzando un sistema chiuso basato su moduli in radiofrequenza a bassa energia che non avrà quindi bisogno di connessione internet e funzionerà anche in caso di blackout.

Impatto sulla società 

Il progetto realizzerà un primo prototipo del sistema descritto e ne valuterà la possibile commercializzazione. L’adozione di sistemi di questo tipo da parte dei pompieri ma anche di aziende i cui operai lavorano in situazioni rischiose potrebbe rendere meno pericolose le operazioni di salvataggio e diminuire il numero di morti e feriti tra soccorritori e vittime di catastrofi naturali e non.

Breve CV del Coordinatore 

Gian Paolo Cimellaro è professore associato presso il Dipartimento d’Ingegneria Civile del Politecnico di Torino. Ha conseguito la Laurea con lode all’Università di Roma “La Sapienza” (2001), il Master in Ingegneria Sismica (2004) e il Dottorato in Ingegneria Civile (2008) dalla State University of New York (SUNY) a Buffalo (USA).  È stato “visiting professor” presso l’ Università  della California a Berkeley (2014-2016). Dal 2011 è il Presidente del Comitato dell’ASCE (American Society of Civil Engineers) dedicato alla resilienza delle infrastrutture. È autore di circa 200 pubblicazioni. Nel 2015 ha ricevuto il premio “Seed grant award” del Siebel Energy Institute.

Ideal Drone project has received funding from the European Research Council (ERC) under the European Union’s Horizon 2020 research and innovation programme  grant agreement No 875183

  • Budget: 150.000 euro
  • Data inizio: 1/10/2020
  • Data fine: 31/03/2022